Crea sito

I canti delle megattere e l’ambiente

I canti delle megattere forniscono informazioni sui cambiamenti della popolazione

Circa 8.000-12.000 esemplari di megattere del Pacifico settentrionale visitano stagionalmente le acque poco profonde delle Isole Hawaii per riprodursi. Durante questo periodo, i maschi maturi producono un elaborato display acustico noto come “melodia“; che diventa la fonte dominante del suono subacqueo ambientale tra dicembre e aprile.

A seguito delle segnalazioni di un numero insolitamente basso di balene iniziate nel 2015-16, i ricercatori dell’Università delle Hawaii di Manoa, in collaborazione con l’Hawaiian Islands Humpback Whale National Marine Sanctuary, l’Oceanwide Science Institute e l’Oceanographic Institution Woods Hole, hanno esaminato il canto canoro registrato attraverso il monitoraggio acustico passivo a lungo termine in sei siti al largo di Maui, come proxy per le popolazioni di balene tra settembre 2014 e maggio 2019. I risultati sono stati pubblicati su Endangered Species Research.

Utilizzando registratori acustici autonomi chiamati “Ecological Acoustic Recorder“, i ricercatori hanno calcolato i livelli di pressione sonora radice-media quadrata (RMS SPL); una metrica della quantità media di energia acustica (quanto è forte il paesaggio sonoro) al giorno.

Nel corso della stagione, i livelli RMS SPL rispecchiano i modelli migratori delle balene. I livelli aumentano a partire da novembre a gennaio, quando le balene cominciano ad arrivare nelle acque intorno all’arcipelago. Con un picco a febbraio e marzo, per poi diminuire da aprile a maggio, quando le balene cominciano a migrare di nuovo verso le zone di alimentazione ad alta latitudine. I ricercatori hanno confrontato le differenze complessive di questo modello e le medie mensili dei livelli di SPL RMS tra gli anni.

I canti delle megattere: parla Anke Kügler, dottoranda di ricerca in biologia marina

Tra le stagioni 2014-15 e 2017-18, abbiamo visto una continua diminuzione dei livelli complessivi di cori durante i mesi di picco di febbraio e marzo tra -3 e -9 dB a seconda della posizione nel corso di questo quadriennio”, ha detto Anke Kügler, che è anche assistente di ricerca presso l’Hawaii Institute of Marine Biology e autrice principale dell’articolo.

Solo nella stagione 2018-19 i livelli sono aumentati di nuovo, raggiungendo al massimo il 2015-16 e persino i livelli 2014-15 in alcuni siti di registrazione. Inoltre, abbiamo assistito a uno spostamento del modello stagionale, con picchi che si sono spostati all’inizio e alla metà di febbraio da fine febbraio all’inizio di marzo. Nel complesso, i livelli di cori non solo erano significativamente più bassi durante il picco della stagione, ma anche le balene sembravano partire dalle isole prima che in passato“.

L’energia acustica è diminuita di oltre il 50%

Quando i rapporti aneddotici della comunità d’acqua hanno inizialmente mostrato un numero inferiore di balene nel 2015-16, questo ha coinciso con un evento di El Niño nel Nord Pacifico. I ricercatori non si aspettavano una tendenza al ribasso per le due stagioni successive, prima che i livelli di cori sembrassero rimbalzare nel 2018-19.

Inoltre, una diminuzione dell’energia acustica –6 dB significa una diminuzione del 50%. Mentre questo non si traduce automaticamente nella metà del numero di balene; altri ricercatori hanno valutato visivamente il numero di coppie madre-polpacci al largo di Maui e in generale di balene al largo dell’isola delle Hawaii; e hanno riferito di aver visto diminuzioni di simile entità durante lo stesso periodo. Indicando che i ricercatori hanno catturato cambiamenti nei livelli di popolazione, non solo cambiamenti nel comportamento del canto.

“I ‘segmenti di popolazione distinti’ delle Hawaii sono stati cancellati dal Endangered Species Act nel 2016; assumendo livelli sostenibili dopo decenni di aumento della popolazione”. Ha detto Kügler. “Tuttavia, alla luce del cambiamento globale, è necessario un monitoraggio continuo per individuare tempestivamente i potenziali cambiamenti negativi; e attuare misure di mitigazione e di protezione all’interno delle acque hawaiane, se necessario”.

I canti delle megattere, sono molto significativi per i ricercatori. Inoltre sono considerate carismatiche e occupano un posto unico nella società. In particolare nella moderna cultura hawaiana.

Importante risorsa Economica

Il whale watching è una risorsa economica importante alle Hawaii. In quanto tali, le megattere sono ciò che viene definita una “specie ammiraglia“. Hanno il potenziale per essere la “specie ambasciatrice dell’ecosistema dell’intera regione“; contribuendo ad aumentare la consapevolezza delle minacce e degli impatti del cambiamento globale, su di loro e su altre specie con cui condividono il loro habitat, così come sulle loro aree di migrazione.

“L’Università delle Hawaii è leader mondiale nella ricerca sui mammiferi marini fin dagli anni ’70, quindi fare questo tipo di lavoro e continuare questa tradizione di ricerca sui mammiferi marini ad alto impatto consente all’università di mantenere questo status come una delle principali università di ricerca del mondo”. Conclude Kügler.

Articolo consigliato.

error: Content is protected !!